Il Quirinale ospiterà il presepe di Franco Artese raffigurante i Sassi di Matera

Il Quirinale ospiterà il presepe di Franco Artese raffigurante i Sassi di Matera

Franco Artese, il maestro grassanese esponente di spicco della tradizione presepistica meridionale, ha sempre preso spunto dalla sua terra natia per le sue opere. In particolare, gli sfondi dei suoi meravigliosi presepi sono i Sassi di Matera, luogo magico che presenta una incredibile somiglianza con la Terra Santa, come dimostrano anche le numerose pellicole cinematografiche girate negli antichi rioni e sull’altopiano murgico, a cominciare con “Il Vangelo Secondo Matteo” per finire con “Ben Hur”.

Grazie all’artista lucano, la rappresentazione presepiale dei Sassi di Matera ha fatto il giro del mondo, a partire dall’esposizione in Piazza San Pietro durante le festività natalizie del 2012, per continuare a New York nel 2015, Milano nel 2016 ed a Firenze lo scorso anno. Per il Natale 2018, l’Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata ha richiesto ed ottenuto la Sala D’Ercole del Palazzo del Quirinale a Roma, che torna quindi ad ospitare l’opera del maestro grassanese a distanza di 6 anni. L’allestimento, che sarà inaugurato il 12 dicembre prossimo e che potrà essere visitato fino al 5 gennaio 2019, occupa un’area di circa 40 metri quadri ed a un altezza di ben 6 metri; in uno scenario curato nei minimi dettagli si potranno scorgere scene di vita quotidiana, oltre che riti e tradizioni della terra lucana.

Per omaggiare il luogo che ospiterà l’opera, Artese ha aggiunto al presepe una scena fondamentale nel rapporto tra lo Stato italiano e la regione Basilicata, ovvero la visita dell’allora Presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli nel 1902, foriera dell’importante Legge Speciale per la Basilicata emanata nel 1904.

Per informazioni riguardo le modalità di acquisto dei biglietti per vedere il presepe, vi rimandiamo al sito internet ufficiale del Quirinale.

Fonte immagine in evidenza: sito ufficiale del Quirinale

Fabio Rizzi per Matera Inside

Loading Facebook Comments ...