Potenza: presentazione del report su bullismo e cyberbullismo

Potenza: presentazione del report su bullismo e cyberbullismo

La scuola e il rapporto con i coetanei sono e devono essere delle realtà che nascono e si pongono alla base della crescita e dello sviluppo di ciascun individuo. Normalmente lo sono, e sono anche in grado di formare persone che riescono ad essere libere e contemporaneamente riescono anche a custodire la libertà altrui non calpestandola. Talvolta però, negli ambienti scolastici (e non solo) possono crearsi dei cortocircuiti con dinamiche e cause complesse da indagare e individuare che danneggiano i soggetti più fragili , rendendo quella che dovrebbe essere una giovinezza gioiosa e spensierata, una crescita accelerata che prova con la chiusura a ridurre un dolore silenzioso ma letale. Uno di questi cortocircuiti sociali a cui si allude è il bullismo. Si tratta di una malattia della nostra società che esiste da sempre e che è diventata oggetto di attualità e attenzione mediatica anche a causa delle recenti tecnologie social che hanno amplificato il fenomeno fino a portarlo alla sua forma più evoluta, conosciuta proprio con il nome specifico di cyberbullismo.

Proprio per provare a dare un’ analisi di un fenomeno tanto complesso quanto difficile il 2 Aprile 2019 si è svolta , presso il Liceo Scientifico ‘Pier Paolo Pasolini’ di Potenza la presentazione del report sul Bullismo e cyber-bullismo nella scuola lucana. Quello che si evince dai risultati è che il fenomeno del bullismo nella nostra regione è alquanto contenuto rispetto al resto dell’ intera nazione. In Basilicata il 74,3 per cento degli studenti del campione, (nella fascia d’età 11 – 17 anni) , riferisce di non aver mai subito atti di bullismo a fronte del 47,3 per cento a livello nazionale (dati Istat 2017). Dati rassicuranti che tuttavia non devono far abbassare la guardia, ma anzi devono ancora di più far luce sul fenomeno.

In controtendenza è invece il cyber-bullismo che in linea generale risulta essere un fenomeno meno diffuso del bullismo, sia a livello nazionale che regionale. Tuttavia in Basilicata gli studenti del campione che affermano di esserne stati vittime, sono il 10 per cento rispetto al 6 per cento del dato nazionale (dati Miur 2017).  Certamente il fenomeno si spiega se si tiene conto del larghissimo possesso delle recenti tecnologie anche fra i più piccoli.

Una delle principali difficoltà che fanno capo al bullismo, molto spesso è la difficoltà ad identificarlo, dal momento che i piccoli hanno la tendenza a tenerlo nascosto. La questione è molto più vera per le femmine che per i maschi. Pertanto, è utile che le famiglie pongano l’ accento a qualsiasi avvisaglia che possa generare allarme. Ed è anche fondamentale conoscere le moderne tecnologie al fine di riuscire a monitorare l’ attività online dei più piccoli.

Concludiamo e riflettiamo insieme sul tema, con le parole del Garante regionale dell’ infanzia Vincenzo Giuliano: “Nella nostra Regione si va affermando una tipologia familiare strutturata intorno a ruoli confusi e non ben definiti che non consentono di tracciare una netta linea di demarcazione tra infanzia ed età adulta. La figura genitoriale, in particolare quella paterna, sembra aver perso quella funzione di trasmissione delle regole e di modello da rappresentare, che costituiva un valido punto di riferimento fino a qualche decennio fa. Questa configurazione familiare si inserisce in un processo più ampio di modernizzazione che ha comportato l’indebolimento delle agenzie di socializzazione primaria e un’eclissi dei modelli di identificazione tradizionali. Il mio auspicio – conclude Giuliano – è che questo lavoro di ricerca possa costituire un primo passo verso una maggiore conoscenza del fenomeno per assicurare ai nostri ragazzi una crescita serena e felice. Un minore felice sarà un adulto libero ed equilibrato, in grado di far fronte alle difficolta della vita”.

Fonte foto: https://sharing.school/punching-ballil-bullismo-fra-adolescenti-ferocia-umana/

Luigi Tocci per Matera Inside

Loading Facebook Comments ...