Pomarico: recuperato un archivio con 600 mila documenti

Pomarico: recuperato un archivio con 600 mila documenti

A Pomarico, lo splendido paese della Provincia materana che sorge tra i fiumi Bradano e Basento, l’associazione culturale “Giuseppe Camillo Giordano” ha recuperato ed ordinato documenti, atti e pubblicazioni dell’immenso archivio comunale, ospitato presso il Palazzo Marchesale.

L’archivio annovera 600 mila documenti, tra cui figurano due grossi manoscritti dal Seicento, che raccontano uno spaccato di società inedita, in cui una realtà locale si adoperava per donare le doti alle ragazze provenienti da famiglie povere. Ancora, sono stati trovati dati sui confinati politici nel periodo fascista e sull’operato delle donne levatrici, le ostetriche di una volta.

Durante il recupero dell’archivio, è stato inoltre recuperato un libretto del 1917 che racconta delle gesta di un ufficiale dell’esercito italiano,il pomaricano Enrico Sisto, morto a Savogna (Udine) nel 1916 durante la grande Guerra.

Giovanni Palumbo, presidente dell’associazione “Giuseppe Camillo Giordanò”, ha dichiarato : “E’ nostro obiettivo attraverso tavoli di lavoro con esperti, appassionati valorizzare e mettere in rete il patrimonio di una comunità e di un territorio, che rappresentano un patrimonio da far conoscere e tramandare“. La speranza è che questo archivio, così come gli altri presenti in Basilicata, possano trovare la massima valorizzazione nel progetto dell’Istituto Deomoetnoantropologico (I-DEA), uno dei progetti cardine di Matera 2019, che mira proprio a mettere in rete questo formidabile patrimonio culturale lucano.

Loading Facebook Comments ...