La Murgia abbraccia Matera: workshop inaugurale a Laterza

La Murgia abbraccia Matera: workshop inaugurale a Laterza

Matera 2019, sin dal momento in cui è stato redatto il dossier di candidatura, è un progetto che vede la città dei Sassi come fulcro imprescindibile, ma che come è giusto che sia presenta una valenza nazionale, per non dire europea. Ecco perchè molti dei progetti di Matera 2019 stanno coinvolgendo anche molte aree della Regione Basilicata (ente che, tra l’altro, è uno dei maggiori finanziatori della Capitale della Cultura) ed ecco, perchè, la Regione Puglia ha indetto un concorso (che premia con 15mila euro il primo classificato, 10mila il secondo e 5mila il terzo) dal titolo “La Murgia abbraccia Matera“.

Si, perchè città direttamente confinanti con Matera, come Altamura, Gravina, Santeramo, Laterza e Ginosa, presentano con essa affinità culturali e storiche che devono essere esaltate nel 2019 ed oltre.

Il progetto “La Murgia abbraccia Matera” (clicca qui per saperne di più), oltre il premio pecuniario per il concorso di idee rivolto principalmente ad ingegneri ed architetti che abbiano progetti originali per la riqualificazione di cisterne, fontane, abbeveratoi, aie, fornaci per la lavorazione della ceramica, frantoi, forni e tutte le testimonianze culturali della Murgia, prevede un coinvolgimento della popolazione con workshop, visite guidate e mostre.

Il primo di questi workshop si terrà a Laterza, la città della carne, ma anche la città che ospita una delle gravine più maestose d’Europa ed il MuMa, un museo dedicato interamente alla maiolica del luogo; proprio nel Palazzo Marchesale, presidio storico che ospita l’appena citato museo, nella giornata di oggi alle 18 avrà luogo il workshop che vedrà l’intervento del professore dell’Università degli Studi della Basilicata Piergiuseppe Pontrandolfi, esperto di politiche urbane e territoriali e di nuove forme di governo e pianificazione del territorio. Il workshop sarà l’occasione per i partecipanti di proporre siti storici abbandonati, tradizioni dimenticate e tutto ciò che può essere riscoperto del territorio laertino: tali segnalazioni saranno raccolte in un report e costituiranno la base dell’intervento da proporre alla Regione Puglia.

Il workshop ha inoltre ottenuto anche il sostegno degli ordini professionali degli architetti, ingegneri e agronomi della provincia di Taranto: la partecipazione consentirà di ottenere crediti formativi.

Loading Facebook Comments ...