Giornata Nazionale del Sollievo

Giornata Nazionale del Sollievo

Oggi, domenica 29 maggio, in tutta Italia si celebra la Giornata Nazionale del Sollievo, giunta alla sua XV edizione. Istituita nel 2001 con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta di Umberto Veronesi, per “promuovere la cultura del sollievo, dalla sofferenza fisica e morale in favore di tutti coloro che stanno ultimando il loro percorso vitale”, ha avuto, nel corso delle varie edizioni, una cospicua adesione con diverse iniziative in svariate regioni, divenute attualmente 15.
Promulgata la legge 38/2010, che sancisce il diritto all’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative, approvata all’unanimità dal Parlamento italiano e considerata un modello di eccellenza dalla Commissione Europea, il 40% delle persone affette da dolore ritiene di non ricevere un trattamento adeguato. È questo il tema a cui, quest’anno, vuole dar voce la Giornata del Sollievo, promossa dal Ministero della salute, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e dalla Fondazione Gigi Ghirotti, intitolata al giornalista de “La Stampa”, che ammalatosi di linfoma di Hodgkin, comunicò la sua esperienza di “malato tra i malati” in corrispondenze e inchieste televisive, fino all’anno della sua scomparsa nel 1974.
“L’umanizzazione delle cure, grazie al sempre crescente impegno dei professionisti e dei volontari, credo rappresenti – ha dichiarato il Ministro Beatrice Lorenzin – il vero valore aggiunto e la cifra distintiva della sanità italiana. E noi ne siamo orgogliosi di fronte al mondo”.
Pensiero espresso dal Ministro della Salute, che vede emergere l’impegno rilevante del mondo dell’associazionismo e delle fondazioni nel promuovere costantemente sul territorio la cultura del sollievo. Raggiunta un’unità d’intenti sulla necessità di affermare percorsi di umanizzazione delle cure dove la presa in carico del paziente non sia solo sanitaria, ma anche sociale e relazionale, una menzione non può che esser estrinsecata nell’impegno straordinario della Fondazione “Gigi Ghirotti” e al contributo fattivo, solerte ed efficace offerto da tutto il mondo del non profit, nello stimolo, storicamente fornito alle istituzioni, nei contesti in cui, il malato e la sua famiglia si trovano ad affrontare percorsi di cura complessi, come nel caso di patologie incurabili.
“L’auspicio è che, sempre più, in Italia tutti coloro che sono affetti da malattie inguaribili possano ricevere cure adeguate e percorsi di cura personalizzati con un’offerta omogenea su tutto il territorio nazionale – conclude il Ministro della Salute – e che, contemporaneamente, si rafforzi l’empatia nei confronti delle persone colpite e la consapevolezza prenda il posto della negazione e della fuga”.
Sono in programma convegni, eventi formativi, pubblicazioni, spettacoli in luoghi di cura, distribuzione di questionari di rilevazione del dolore e del sollievo, trasmissioni radiofoniche e televisive, incontri di sensibilizzazione presso scuole, stand di Associazioni nelle piazze, promosse da Regioni, strutture sanitarie ed associazioni di volontariato; 169 iniziative in 15 Regioni.
Le manifestazioni principali che avranno luogo in Basilicata, saranno attuate principalmente nel territorio potentino, ad esclusivo appannaggio del Capoluogo di Regione, eludendo il materano. Si auspica che nel futuro venturo, vengano attuate campagne di sensibilizzazione nel territorio lucano tutto, portando anche nella ECoC2019, nonché Città della Pace, e nel suo hinterland, interazioni di sensibilizzazione pubblica, su temi di dominio morale e sociale.

“Quello che importa, sia durante la vita, sia di fronte alla morte, è non sentirsi abbandonati e soli.” Gigi Ghirotti

Eustachio Cuscianna, CoFounder “NovAurora – Officina Culturale”
NovAurora partner ufficiale Materainside
Loading Facebook Comments ...