Esame di maturità: 2018 anno di grandi temi per gli studenti

Esame di maturità: 2018 anno di grandi temi per gli studenti

Il 2018 ha rappresentato fino ad ora un anno di grandi ricorrenze ed eventi importanti, che si sono succeduti e che hanno ispirato grandi dibattiti. In questa torrida giornata di Giugno, quegli stessi temi sono approdati tra i banchi dei maturandi sotto forma di tracce d’ esame su cui sviluppare i loro elaborati. I nostri studenti sono stati alle prese con importanti temi di attualità tra cui la ricorrenza dell’ omicidio dello statista Aldo Moro. Tema quest’ ultimo molto dibattuto, e soprattutto di non facile interpretazione dal momento che il fenomeno del terrorismo è un argomento complesso che presenta diversi aspetti da prendere in considerazione che si intersecano sicuramente fra di loro ma che allo stesso tempo restano distinti per le loro peculiarità.

Ma ancora, per i settant’ anni della nostra Carta Costituzionale, verrà sottoposto all’ attenzione dei giovani candidati il tema del principio di uguaglianza. Si tratta di uno dei principi fondatori della nostra democrazia che si rievoca in una fase politica di evidente transizione, e in un contesto storico in cui quegli stessi valori e principi tendono talvolta a vacillare a causa di un clima di tumulto e disordine istituzionale e sociale. Si ritiene quanto mai necessario che anche i giovani si esprimano attraverso le loro tracce su tematiche, che mai come in questo momento li riguardano così da vicino: la Costituzione e i suoi principi.

Gli altri temi certamente attualissimi riguardano le leggi razziali a 80 anni dall’ emanazione e la massa e la propaganda. Questi ultimi sono temi fortemente dibattuti in questi giorni, anche per via di diversi eventi che hanno caratterizzato una netta reazione anche istituzionale, tanto è vero che risulta evidente il cambio di rotta del nuovo governo rispetto ai precedenti rispetto a tematiche correlate. Un esempio è la vicenda della nave Acquarius che riapre il dibattito sul difficile tema dell’ immigrazione e dell’ enorme responsabilità che il nostro Paese ha fronteggiato per anni anche a causa della scarsa partecipazione dell’ Unione Europea nell’ affrontare questo dramma umano prima che amministrativo.

Sarebbe interessante rivestire i panni degli esaminatori solo per avere la possibilità di leggere cosa ne pensano i giovani di argomentazioni così importanti e soprattutto quanto ne sanno. Sarebbe interessante sapere che essi possano esprimere la propria voce non solo in un foglio di protocollo ma anche in un Paese che li possa in qualche modo valorizzare. Abbiamo fiducia nella scuola e auguriamo a tutti voi: buona maturità !!

 

FONTE FOTO: leggo.it

Luigi Tocci per Matera Inside

Loading Facebook Comments ...