Chiesa Rupestre Madonna de Idris

Chiesa Rupestre Madonna de Idris

La Chiesa Rupestre della Madonna de Idris fu costruita all’interno di cavità presenti sulla cima di uno sperone roccioso detto Monterrone, nel Sasso Caveoso, in posizione dominante rispetto alla sottostante piazza San Pietro Caveoso. Dalla parte esterna della Chiesa si gode di uno dei più bei panorami sui Sassi e sulla Gravina. Il nome della chiesa deriva sicuramente dal greco Odigitria che significa ‘guida’ o ‘colei che indica la via’. Secondo la tradizione la Madre di Dio Oditrigia è una delle tre icone dipinte dall’evangelista Luca quando la vergine era ancora in vita. Il culto venne introdotto a Matera da monaci bizantini durante la dominazione Bizantina nell’Italia meridionale. A Matera viene anche chiamata come ”Madenn du Lutr” (del Litro) per la presenza di due mezzine, cioè due contenitori d’acqua posti ai piedi della Madonna.

L’esterno presenta una facciata molto semplice con un campanile a veletta. Venne ristrutturata completamente intorno al ‘400 in seguito ad un crollo di una volta a botte. L’interno si presenta a pianta irregolare (unica navata) e si caratterizza per la presenza di una parte scavata e una costruita. La chiesa conserva pregevoli affreschi di buona fattura che possono essere datati tra il XII e il XVII sec.: sono riconoscibili, tra questi, un San Michele Arcangelo, un Sant’Eustachio rivolto verso un cervo che ha tra le corna una croce dorata (motivo presente in altre chiese dell’agro materano e anche in Cattedrale), una natività, la Madonna de Idris e un Sant’Antonio da Padova. Di fianco alla chiesetta, collegata attraverso un corridoio, è presente la più antica ex chiesa parrocchiale di San Giovanni in Monterrone. In questa cripta son presenti figure di Santi alcune non riconoscibili datate XII-XIII sec. La chiesa è dedicata al San Giovanni di cui sono presenti gli affreschi. All’esterno della Chiesa sulla sommità dello sperone roccioso del Monterrone è presente una croce in ricordo delle missioni paoline del 1937.
Materainside

Loading Facebook Comments ...