Chiesa di San Francesco di Assisi

Chiesa di San Francesco di Assisi

La chiesa di San Francesco di Assisi venne edificata nel XIII secolo sulla preesistente chiesa ipogea dei Santissimi Pietro e Paolo che al suo interno, ancor oggi, mostra un affresco che ricorderebbe la visita di Papa Urbano II a Matera del 1093; l’ipogeo, tutt’ora accessibile attraverso una botola posta all’interno della chiesa, secondo alcune voci, ospitò San Francesco d’Assisi in persona durante uno dei suoi pellegrinaggi per la penisola Italiana. Quasi nulla rimane della vecchia struttura medievale se non la cella campanaria a pareti affrescate e volte costolonate; anche l’ingresso della vecchia struttura era opposto all’attuale. A partire dal rinascimento si ebbero i primi ampliamenti della struttura con l’inserimento delle cappelle laterali. E’ però nel XVIII sec. che la chiesa ebbe il massimo splendore; infatti, la facciata venne completamente rivisitata secondo i dettami dello stile Barocco e l’interno ampliato ulteriormente per ospitare la oramai accresciuta comunità di fedeli.

La facciata, opera degli architetti Vito Valentino e Tommaso Pennetta, si presenta divisa in due da un cornicione marcapiano al cui centro è presente un finestrone. Degne di nota sono le statue di San Francesco e Sant’Antonio ai lati e nella parte centrale quella dell’Immacolata. All’interno la vecchia struttura a capriate venne sostituita da una controsoffittatura in legno più stabile della precedente. Degne di nota all’interno sono due pregevolissime acquesantiere del XIII-XIV sec., un coro ligneo del XVIII secolo e l’organo del XVI sec.. Di pregevole fattura un polittico di nove dipinti su tavola del XVI sec. attribuiti al pittore di scuola veneta Lazzaro Bastiani.

*fotogallery a cura di Miriana Russo per Materainside.

Materainside

Loading Facebook Comments ...