Basilicata: l’olio lucano viaggia verso il marchio IGP

Basilicata: l’olio lucano viaggia verso il marchio IGP

11mila olivicoltori, 5 milioni di piante di olivo in tutto il territorio regionale, 28mila ettari di territorio, 30mila aziende e 145 frantoi attivi. Sono questi i numeri del comparto oleario lucano, che in queste settimane è in pieno fermento per la raccolta e la molitura delle olive.

La qualità dell’olio lucano è già nota da tempo: non per nulla, l’olio prodotto ne Vulture dalla qualità “Ogliarola del Vulture” è già stato insignito della Denominazione di Origine Protetta. In questi giorni, inoltre, sei organizzazioni di produttori lucani di olio, riunitisi nell’Associazione IGP olio lucano, hanno avviato le procedure per ottenere il marchio di Indicazione Geografica Protetta sull’olio che sarà prodotto in Basilicata. Tale associazione, assieme al Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata e all’Alsia, ha messo a punto il dossier di candidatura ed il disciplinare di produzione che saranno inviati al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

Con questa operazione, oltre alla già citata varietà Ogliarola del Vulture, si andrebbero a tutelate oltre 27 varietà autoctone, tra cui l’Ogliarola del Bradano delle Colline Materane e la Maiatica di Ferrandina.

Per l’assessore regionale all’Agricoltura Luca Braia “Il riconoscimento della Igp rappresenta una ulteriore opportunità di tutela e promozione del nostro olio extra vergine di oliva che quest’anno ha una previsione produttiva di cinquemila tonnellate, un dato interessante dopo il crollo del 2016 a 1.200 tonnellate e il livello raggiunto nel 2015 con ottomila tonnellate. Anche la qualità è elevata e la Igp, sono solo quattro nel nostro Paese, può portare valore aggiunto al settore che vende e confeziona appena il 20 per cento della produzione.

Immagine in evidenza: marchio dell’Olio Lucano IGP frutto di un concorso di idee vinto del giovane designer Danilo Varriale (fonte: Sassilive.it)

Fabio Rizzi per Matera Inside

 

Loading Facebook Comments ...