Antonio e Ilaria: “Con RoundAbout viaggiamo con consapevolezza”

Antonio e Ilaria: “Con RoundAbout viaggiamo con consapevolezza”

Quattordicesimo appuntamento con Sei Forte Matera. Quest’oggi abbiamo intervistato per voi due giovanissimi materani, Antonio Montemurro e Ilaria Di Lecce, che hanno messo su un progetto innovativo. Si chiama RoundAbout, è un portale di informazioni sul viaggio, curato da blogger locali che sono in grado di dare dettagli nuovi ed interessanti sui luoghi che si vogliono visitare. Un sito in gran parte scritto in inglese e con contenuti, quindi, né di massa, né tradizionali, ma che inducono il visitatore a pianificare un determinato viaggio e a raccogliere tutte le curiosità del caso. Ringraziamo per la gentilezza i due ragazzi.

Ciao Antonio, Ilaria, da cosa è partito il progetto RoundAbout?

Per descrivere RoundAbout in una sola frase, è un portale di informazioni di viaggio curato da blogger locali che permette di trovare contenuti non mainstream e di pianificare il viaggio. Siamo persone che hanno sempre viaggiato, cercando di scoprire il più possibile nuove realtà. E più abbiamo viaggiato, più ci siamo resi conto di alcuni dettagli mancanti che, se presenti, ci avrebbero reso tutto molto più semplice. Quando poi abbiamo trovato un riscontro con molti altri viaggiatori sugli stessi problemi, abbiamo deciso di risolverli creando RoundAbout. Parlando di problemi, ci riferiamo alle ricerche estenuanti pre-viaggio su blog, social network e siti vari con l’intento di scovare tutte quelle “chicche” autentiche e poco conosciute, oltre lo standard del classico turismo. Quindi, niente pacchetti turistici preconfezionati, tour convenzionali o recensioni in stile “molto bello, ve lo consiglio!” che non permettono una conoscenza approfondita della storia del posto o delle espressioni artistiche appartenenti alla cultura locale. 
Come se non bastasse, una volta trovato quello che combacia con i propri interessi, non si ha a disposizione uno strumento completo che possa permettere di raggruppare e usare le informazioni trovate : Google Maps per usare le mappe offline, le Note per appuntarsi i contenuti trovati su internet, e almeno un paio di app ufficiali del posto (che rimangono sul telefono giusto il tempo della vacanza!). Per questo ci rivolgiamo direttamente ai blogger, perchè sono in grado di fornire conoscenze autentiche in quanto locali, contenuti approfonditi in quanto blogger e sempre nuove esperienze in quanto esploratori urbani. Di conseguenza i contenuti che andiamo a raccogliere e aggregareriguardano categorie fuori dagli schemi comuni: street art, l’architettura e urbanistica, la musica live e le scene underground, gli sport estremi e gli angoli di verde urbano, le sperimentazioni artistiche, drink house e street food -e non bar&ristoranti- che rendono più attraente ed interessante un viaggio e dove è possibile incontrare gente locale.
Controllando il sito, ho notato che in larga parte è scritto in inglese. Come mai questa scelta?
Perché ci rivolgiamo ad un pubblico internazionale, come è internazionale il fenomeno del viaggiare. D’altronde, è essenziale per comunicare con gli abitanti di un’altra nazione e di conseguenza nell’apprendere la loro cultura presente e le tradizioni. Inoltre, siamo in contatto con viaggiatori e blogger che ci seguono da più nazioni, quindi, necessariamente abbiamo bisogno di utilizzare una lingua globale.
Credete che serviva a Matera un progetto di questa portata?
Si, crediamo che ad oggi possa essere utile per Matera. Il progetto nasce dall’esigenza di poter rendere gestibili le grandi metropoli dove c’è ‘tanto’ da fare, ma Matera è un discorso singolare. Crediamo fermamente che, nonostante le piccole dimensioni, ci sia e ci sarà ‘tanto’ da fare e da conoscere. Una città densa in altre parole.
Proprio per dimostrarlo, abbiamo sperimentato l’approccio RoundAbout su Matera tramite una viaggiatrice dal Marocco ed infatti abbiamo ottenuto buoni risultati (http://roundaboutravel.com/explorers-on-the-go-episode-6-matera-spontaneous-shapes-of-textures-and-tones/). Ci piacerebbe, inoltre, stimolare la gente locale a fare blogging e raccontare di peculiarità e gli aspetti di valore di Matera. E perché no, tale attività di promozione potrebbe in futuro alimentare la produzione di nuovi progetti artistici e culturali.
Cosa pensate dell’opportunità di Matera 2019?
Può essere definita OPPORTUNITA’ solo se la politica locale, il comitato e gli operatori locali attuano scelte volte ad arricchire CONOSCENZE e COMPETENZE della popolazione tramite le attività artistiche in atto a Matera. Per esempio, come conseguenza delle produzioni cinematografiche di cui Matera è il set, dovrebbero fiorire scuole e corsi di specializzazione negli ambiti affini al cinema come recitazione, sceneggiatura, teatro. Così le competenze si radicherebbero nel tessuto sociale e tale legacy porta guadagni duraturi a lungo termine attorno alle industrie creative e culturali. Questo approccio andrebbe riferito anche all’industria turistica e alla rivalutazione del patrimonio artistico e naturale, alla salvaguardia delle dieta mediterranea e alla promozione di consorzi alimentari d’eccellenza piuttosto che all’industria del petrolio che è in netto contrasto con l’ambiente e l’agricoltura. Fertilizzando le radici del sociale, nel futuro (ben oltre il 2019) avremo ottimi frutti. Ci piacerebbe fosse considerato cosi l’ Open Future.
Secondo voi, cosa può rappresentare il viaggio nella vita di una persona?
Crediamo sia pensiero comune intendere il viaggio come scoperta e conoscenza, ma non basta. Nel viaggio è necessaria l’attitudine alla consapevolezza, apertura e poi condivisione nei confronti di qualcosa che non conosciamo. Viaggiare aiuta a porsi delle domande e a sviluppare un occhio critico su ciò che di buono o cattivo ha la propria cultura e quella altrui. E’ un modo per diventare comprensivi e aperti verso la diversità, non a caso è il primo punto del nostro Manifesto del viaggiatore (https://vimeo.com/159506346). Viaggiare è aumentare le proprie opportunità di benessere e realizzazione, magari trovando l’ambiente giusto per sviluppare i progetti di vita.
E noi con RoundAbout, crediamo in questa missione e diamo l’opportunità di raggiungere persone e blogger locali che condividono i tuoi stessi interessi, andare oltre il normale, per poi renderti curioso, appassionato, entusiasta e divertito. Questo nostro video mette insieme tutte queste sensazioni (http://roundaboutravel.com/manifesto-3/).
Viaggiare vuol dire accrescere e migliorare la propria condizione di esseri sociali.
I vostri progetti futuri?
Nel futuro intendiamo diffondere RoundAbout e l’approccio al viaggio e alla conoscenza. Ci stiamo facendo conoscere in Europa e negli Stati Uniti dove prevediamo di espanderci. In tutto questo, però, abbiamo sempre in mente Matera, che non può e non deve rimanere nascosta. E’ una città con ancora tanto potenziale inespresso e, soprattutto, una città con le carte in regola per creare ed esprimersi in maniera  nuova.
Per info e contatti: roundaboutravel.com.
Matera Inside
Loading Facebook Comments ...