8 Marzo: sciopero contro la violenza

8 Marzo: sciopero contro la violenza

“Nonunadimeno”, così si chiama lo sciopero internazionale atteso per domani, in occasione della Festa della donna, per condannare all’ unisono la violenza di genere. Di stretta attualità è purtroppo il tema della violenza maschile, che si traduce non solo come attacco fisico ma anche come attacco psicologico, al fine di screditare la donna nel suo ruolo non solo personale ma anche sociale.

La mentalità maschilista si introduce come un virus non solo nelle pareti domestiche ma anche nei posti di lavoro, dove nonostante siamo nel 2018 inoltrato, ancora vi sono tutta una serie di discriminazioni sia da un punto di vista retributivo che a livello di mansioni.

Con lo scopo di portare all’ attenzione pubblica questa triste realtà, nel giorno dell’ 8 Marzo 2018, non basterà un ramoscello di mimose a ricordare l’ importanza della donna nella nostra società, ma un vero e proprio sciopero avrà luogo, per scagliarsi contro i principali soprusi che svantaggiano le donne. Lo sciopero riguarderà non soltanto le lavoratrici a tempo indeterminato ma anche quelle a tempo determinato, nonchè precarie, studentesse, lavoratrici in nero, stagiste e chi più ne ha più ne metta. Insomma, su tutti i livelli e su tutti i fronti si innalza un grido di denuncia assordante.

Nello specifico, i temi di protesta riguardano sostanzialmente oltre alla violenza domestica, anche mancanza di finanziamenti nei centri antiviolenza, l’ obiezione di coscienza nei servizi sanitari e infine ma non meno importante, le molestie sessuali nei luoghi di lavoro. Lo sciopero, nello specifico, riguarderà il settore dei trasporti ma anche i settori della sanità, scuola e servizi. Inoltre, nella città di Roma è previsto un corteo che partirà dal Colosseo e inizierà alle ore 17 circa.

Fonte foto: ilpost.it

Luigi Tocci per MateraInside

 

Loading Facebook Comments ...